Malattia
INFORTUNI PDF Stampa E-mail
Scritto da 20 maggio   

INFORTUNI

 

 

È un obbligo per ogni azienda nominare un Rappresentante per la sicurezza (Rls) e un medico competente. In caso di infortunio e/o malattia professionale i lavoratori e le lavoratrici, obbligatoriamente assicurati all’Inail, hanno diritto alle prestazioni economiche, sanitarie e riabilitative da parte dell’Istituto assicuratore.
Possono essere iscritti all’Inail i titolari di contratti di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto, compresi quelli per prestazioni occasionali dette mini co.co.co.
Sono esclusi dall’obbligo di iscrizione all’Inail i professionisti possessori di Partita Iva.
In caso di infortunio il lavoratore è obbligato a informare immediatamente il committente.
Leggi tutto...
 
MALATTIA PER GLI ISCRITTI ALLA GESTIONE SEPARATA PDF Stampa E-mail
Scritto da 20 maggio   

     La malattia per gli iscriti alla Gestione separata Inps

 

Hanno diritto all’indennità di malattia con degenza domiciliare, oltre all’indennità per malattia ospedalizzata, gli iscritti alla gestione separata che versano,obbligatoriamente, il contributo aggiuntivo dello 0,72%.

 

Le indennità di malattia sono corrisposte a condizione che l’iscritto abbia versato 3 mensilità negli ultimi 12 mesi e che, nel 2012, abbia percepito un reddito inferiore a 65.535,40 Euro (tetto pari al massimale contributivo diminuito del30%).

L’indennità in caso di ricovero ospedaliero può essere erogata per un massimo di 180 giorni nell’anno solare ed è pari ad un importo variabile, in relazione ai periodi di contributi accreditati, dall’8% al 16% di 1/365 del massimale annuo (nel 2012 l’indennità giornaliera può variare da 21,07 Euro a 42,15). 

L’indennità di degenza è erogata per un numero massimo di giornate pari a 1/6 della durata complessiva del rapporto di lavoro avuto nei 12 mesi precedenti la malattia. Il numero di tali giornate non può comunque essere inferiore a 20 né superiore a 61.

L’indennizzo giornaliero è pari ad un importo variabile, in relazione ai periodi di contributi accreditati, dal 4%

all’8% di 1/365 del massimale annuo (nel 2012 l’indennità giornaliera può variare da 10,53 Euro a 21,07 Euro).


Le norme valide per i collaboratori a 
progetto si applicano, dal 1 gennaio 2012, anche ai liberi professionisti

iscritti alla gestione separata. Ad oggi non ci sono, però, ancora le circolari attuative. L’Inps sostiene che non rientrano tra le categorie tutelate in caso di malattia domiciliare gli associati in partecipazione, gli assegnisti di ricerca e i dottorandi.

 

ISCRITTI A CASSE LIBERO PROFESSIONALI

Se non prevista dalla cassa previdenziale tra le prestazioni assistenziali, ai lavoratori autonomi non spetta l’indennità di malattia. Quando prevista, è legata al reddito e vincolata al rispetto di un plafond annualmente stanziato dalla cassa.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2