Dipartimento Economia e Lavoro PD


Filippo Taddei non passa l’esame da professore associato in economia PDF Stampa E-mail
Scritto da 20 maggio   

Il responsabile Economico del PD

non passa l’esame da professore associato in economia

da www.today.it

Il nuovo responsabile economia del Pd, autore del programma economico di Pippo Civati e scelto da Matteo Renzi per occuparsi di quell'area, non ha ottenuto l’idoneità. «Per carenza di pubblicazioni»

"E va bene, va bene, sì, certo... è imbarazzante, lo ammetto".
Così Filippo Taddei, responsabile Economia nella nuova segreteria di Matteo Renzi ha commentato al Corriere della Sera la bocciatura all’esame per l’abilitazione da professore associato in politica economica.

Un esame, però, tutt’altro che proibitivo visto che su 417 candidati i promossi sembra siano stati quasi 300.

Così i commissari del ministero dell'Istruzione, come riportato dal Corriere della Sera, hanno giudiciato il suo curriculum.

"Il suo percorso professionale documentato da titoli e curriculum vitae, benché promettente, risulta all’inizio". E così i commissari hanno giudicato il candidato cui Renzi chiede di lavorare alle linee guide del Pd sul complesso orizzonte dell’economia, "non idoneo per l’abilitazione". Il suo numero "di pubblicazioni scientifiche e titoli" è infatti ritenuto "non ancora sufficiente".

 
NO AUMENTO CONTRIBUTI PARTITE IVA PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Fassina   

Lavoro: Fassina, 

no ad aumento contributi per partite Iva

 


di Stefano Fassina

Tra le correzioni prioritarie che il Pd si è impegnato a fare alle misure contenute nel Ddl lavoro, una riguarda l'aumento dei contributi previdenziali per le partite Iva iscritte alla gestione separata dell'Inps.
 

È un aumento profondamente iniquo in quanto i diretti interessati sono lavoratori e lavoratrici autonome e dovrebbero versare contributi previdenziali in base alla medesima aliquota in vigore per i lavoratori e lavoratrici autonome.
 

Oltre a essere iniquo, il forte aumento è anche controproducente perché spinge al lavoro nero o, nel migliore dei casi, porta a una riduzione netta dei compensi.
 

La richiesta da parte del presidente del Consiglio di approvare entro il 27 giugno il Ddl lavoro nella versione uscita dal Senato non consente correzioni.
 

Tuttavia, nel primo provvedimento parlamentare utile proporremo emendamenti correttivi del testo che verrà approvato il 27 giugno.

Tra essi, la cancellazione dell'aumento dei contributi previdenziali per le partite Iva iscritte alla gestione separata dell'Inps
.


 

L'Associazione 20 maggio saluta con favore la fermezza e chiarezza con cui il Responsabile dell'Economia e del Lavoro del PD ha affrontato il tema dell'aumento dei contributi per le partite iva iscritte alla gestione separata INPS e l'impegno, visto che l'andamento del provvedimento alla Camera non consente correzioni di nessun tipo, di intervenire nel primo provvedimento utile per correggere questa e altre iniquità e ingiustizie presenti nella riforma del marcato del lavoro.

E' un importante presa di posizione e assunzione di responsabilità anche come risposta alla lettera aperta che molti esponenti di associazioni giovanili, di professionisti e di precari hanno inviato e pubblicato proprio su questi temi.

Stefano Fassina ed Emilio Gabaglio sono stati, in questi ultimi anni, i veri punti di riferimento dei movimenti e delle associazioni dei giovani e dei professionisti a partire da quelli che si sono raccolti attorno a "Generazioni ad Alta Risoluzione".

Si conferma ancora una volta la sintonia tra questi dirigenti del PD e il mondo reale, la società effettiva fatta di donne e uomini, di giovani ed adulti di precari e di professionisti, di stagisti e di collaboratori che hanno esigenze diverse dagli altri lavoratori ma non per questo sono esigenze meno importanti.

A noi ora sta verificare e sostenere con la nostra azione e le nostre iiziative, l'impegno importante e condiviso preso dal Responsabile Dell'Economia e del Lavoro del PD.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 5