Come le decisioni del Var hanno effetto anche sulla tua vita

La tecnologia in campo, oltre ad essere stata un’autentica rivoluzione per il gioco del calcio in sé in Italia, rappresenta anche un importante fattore di cui tener conto per l’allestimento delle proprie rose fantacalcistiche. Prendiamo in considerazione un esempio classico del fantacalcio. Vi è capitato di pensare all’influenza della Var su un gioco come il calcio e quanto questa influenza “influenzi” a sua volta altre condizioni della vita? Il gioco è quello del Butterfly effect e analizziamo il modo in cui un cambiamento così rivoluzionario possa influire anche sulle vite di ognuno di noi, facendo riferimento e basandoci sul gioco “intermedio” tra calcio e noi, il fantacalcio! Il Var infatti incide massicciamente sui giochi di fantasia legati al calcio perché ne modifica le dinamiche fondamentali delle partite in atto, attraverso alcuni capiremo cosa cambia e quale strategia adottare per difenderci oltre che dall’avversario di turno in lega anche dalla Var, per quanto concesso.

I dati Var e come influenzano le leghe fantacalcistiche

Tra i dati sui cambiamenti dopo l’introduzione del Var vi è sicuramente quello più discusso sul tempo di gioco effettivo. E bene il cambio è stato notevole poiché con il Var e il recupero, il tempo medio di gioco è aumentato, questo significa per i fantallenatori che più tempo effettivo di gioco comporta più tempo per le squadre più forti per andare a segno e concretizzare altre azioni. Al contrario sfavorisce le squadre che ogni domenica sono costrette a chiudersi il più possibile in difesa per cercare di accumulare preziosi punti, utili magari per la zona salvezza. Oltre che per il fantacalcio la Var influisce anche il betting e le quote pre match come su https://www.astekbetitalia.com/bonus-scommesse-astekbet.html.

I bonus Malus

Come intuibile ad essere influenzati sono anche i bonus o le penalità previste nelle varie leghe di fantacalcio. Così dati alla mano, falli e fuorigioco sono diminuito del 7 6% e del 2% significa che ci sono meno cartellini in generale e dunque meno penalità nelle giornate fantacalcistiche. Inoltre, calando il numero degli errori complessivi, cala anche la necessità di richiedere più o meno con toni educati verso il direttore di gara. Per cui calciatori meno disciplinati sono diventati, da questa stagione, un po’ più appetibili. Il cambio di strategia sulla rosa per i rigoristi merita un poì di spazio perché il numero di rigori assegnati è aumentato addirittura del 5,5%. Ecco perché in estate potrebbe aver fatto bene chi ha deciso in maniera razionale di puntare maggiormente sui rigoristi, anche a costo di spendere qualche credito in più a discapito di altri calciatori. Alla luce di questi dati, appare legittimo assegnare un valore leggermente superiore rispetto al passato ai calciatori: delle squadre di vertice (Juve e Napoli su tutte), ai rigoristi, agli incontristi. La strategia della rosa d’ora in avanti dovrà tener ben presente anche la Var come “avversario” per i fatidici 66 punti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *