Angri: allarme igienico sanitario a causa dei topi

Anche Angri invasa dai topi

Allarme igienico-sanitario ad Angri; topi nelle aiuole della villa comunale a ridosso dell’area giochi creata per i bambini; il disagio e al paura delle mamme più che giustificata pone sotto la lente di ingrandimento anche questa città, come altre ultimamente per la presenza di colonie di topi.

Degrado e abbandono

A denunciare l’accaduto sono stati alcuni genitori che si sono accorti al parco pubblico della presenza dei roditori; che pare vi si trovino a loro agio grazie alle condizioni in cui sono tenuti i giardinetti di villa Doria, ovvero di totale abbandono,  oltre alla mancata esecuzione degli interventi di disinfestazione, dei quali si occupa periodicamente l’Asl. Ma che non sono stati portati avanti con costanza. Il danno ormai è fatto ma correre ai ripari velocemente è un dovere verso al comunità.

La lista si ingrossa

La lista dei paesi e delle città che denunciano la presenza fastidiosa di colonie di ratti si sta allungando pericolosamente; la proliferazione dei topi forse favorita dal caldo e dalle grandi quantità di rifiuti che non sempre vengono gettati in modo adeguato ha fatto si che le nostre città sono diventate il covo ideale per questi animali infestanti.

Le soluzioni

Le soluzioni da attuare sono: una maggiore pulizia sia urbana che privata, più disciplina nello smaltire i rifiuti  e opere di derattizazione periodiche sia private che pubbliche; il cittadino se non è supportato dal Comune infine può agire da solo, ingaggiando una ditta specializzata di derattizzazione; ma è necessario rivolgersi solo a veri professionisti che sanno come risolvere il problema con uan profonda pulizia, disinfestazione e derattizzazione degli ambienti, per il been della propria famiglia ma anche per il bene della comunità. Oggi si possono trovare bravi professionisti ai qauli affidare un lavoro tanto delicato e importante anche in rete come ad esempio www.derattizzazioneroma.cloud

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *