Lavori usuranti: chi rientra nella categoria?

L’accesso alla Pensione anticipata per gli addetti alle mansioni usuranti è stato modificato e per capire chi rientra in questa modalità abbiamo deciso di scrivere questa piccola lista.

Le categorie riconosciute dall’INPS sono:

  • Lavori in galleria, cava o miniera, compresi gli addetti alle cave di pietra o materiale ornamentale;
  • Lavori nei cassoni ad aria compressa che si utilizzano nelle costruzioni subacquee;
  • Lavoro da palombaro;
  • Lavori ad alte temperature, ove non è possibile adottare misure di prevenzione;
  • Soffiatori di vetro cavo a mano;
  • Lavori in spazi ristretti (intercapedini, stive di navi, ecc.);
  • Lavori di asportazione di amianto;
  • Lavori notturni, per almeno 6 ore consecutive dalla mezzanotte in poi, con un minimo di 64 giorni lavorativi e un massimo di 79;
  • Lavori notturni per un anno intero per tre ore da mezzanotte alle cinque del mattino;
  • Lavori in catena di montaggio;
  • Guida di veicoli pesanti capienza minima di 9 persone compreso l’autista.

A queste categorie, la recente Riforma pensionistica, ha aggiunto nuove professioni:

  • Operai dell’edilizia e della manutenzione degli edifici, in questo caso la definizione non è molto chiara quindi meglio rivolgersi ad un ente per chiedere maggiori delucidazioni, se pensate di rientrare in questo settore;
  • Conduttori di macchinari per le costruzioni, ma non tutti i macchinari, per ora si parla solo di Gru e macchinari per perforazione;
  • Conciatori;
  • Conduttori di treni e personale viaggiante;
  • Conduttori di camion. La categoria sembra non contenere restrizioni;
  • Personale infermieristico e ostetrico con lavoro distribuito su turni. Chi fa il notturno rientra già nei settori agevolati, chi fa esclusivamente il diurno non ha diritto all’agevolazione;
  • Addetti assistenza persone non autosufficienti;
  • Docenti scuola dell’infanzia, in questo caso non è ben chiaro quali figure del settore rientrano nell’agevolazione;
  • Facchini spostamento merci ed assimilati. In questo caso non è ben chiaro se rientrano in questa categoria anche quelli che, ad esempio, effettuano traslochi a Roma (o qualsiasi altra città) o movimento merci nei grandi magazzini;
  • Personale non qualificato addetto alla pulizia. Questa voce è estremamente generica e forviante;
  • Operatori ecologici e separatori di rifiuti, ma solo se entro il 2019 hanno già maturato un anno di anzianità in questo settore.

Per poter accedere alla pensione si deve avere un’età contributiva di almeno 35 anni e aver compiuto 61 anni e 7 mesi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *