SOTTO L'ART. 18 NIENTE PDF Stampa E-mail
Scritto da 20 maggio   
Domenica 05 Ottobre 2014 04:13

IN ANTEPRIMA LE SCHEDE DI APPROFONDIMENTO DELLA LEGGE DELEGA (JOBS ACT)  A CURA DELL'ASS. 20 MAGGIO

Contratti. La revisione delle forme contrattuali, secondo l’associazione 20 maggio è solo ipotizzata nel testo della delega e rimangono esplicitamente citate le collaborazioni coordinate e continuative e i voucher per le prestazioni occasionali per i quali si prevede l’innalzamento dei tetti di reddito. Per ora non si parla di eliminare né le associazioni in partecipazione, né le false Partite Iva. Dalle ultime dichiarazioni del governo, in pratica, l’unica forma contrattuale che verrebbe eliminata sarebbe quella dei contratti a progetto.

VUOI LEGGERE LA SCHEDA SULLE MODALITA' DI LAVORO DEL JOBS ACT? CLICCA QUI

Ammortizzatori. Bene l’estensione dell’Aspi (il sussidio di disoccupazione) ai collaboratori coordinati e continuativi. Anche in questo caso, però, vengono escluse le 182.256 Partite Iva iscritte esclusivamente alla gestione separata Inps.

VUOI LEGGERE LA SCHEDA AMMORTIZZATORI DEL JOBS ACT? CLICCA QUI

Maternità. L’auspicabile estensione dell’indennità di maternità sembra riguardare in realtà solo le lavoratrici pagate coi voucher, le autonome occasionali e le lavoratrici delle associazioni sportive dilettantistiche.

VUOI LEGGERE LA SCHEDA SULLA MATERNITA' DEL JOBS ACT? CLICCA QUI

Ultimo aggiornamento Domenica 05 Ottobre 2014 05:17
 
"Sotto l’articolo 18, niente" PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesco Riccardi   
Domenica 05 Ottobre 2014 04:21
Così il Jobs act trascura e penalizza i precari
Avvenire, 4 ottobre 2014

"Sotto l’articolo 18, niente". Parafrasando il titolo d’un film è questo il giudizio sul Jobs Act che viene dal mondo dei lavoratori parasubordinati e a Partita Iva. Almeno da quelli riuniti nell’Associazione XX Maggio, presieduta dall’ex segretario del sindacato europeo Emilio Gabaglio, che raccoglie in particolare giovani professionisti e precari. In un documento hanno dettagliato i dubbi sulle misure contenute nella delega lavoro – in particolare l’allarme per la cancellazione dei contratti a progetto – e soprattutto ciò che manca per dare vere tutele a quel vasto e composito mondo di 3,6 milioni di lavoratori parasubordinati.

I contratti. La revisione delle forme contrattuali, secondo l’associazione è solo ipotizzata nel testo della delega e rimangono esplicitamente citate le collaborazioni coordinate e continuative e i voucher per le prestazioni occasionali per i quali si prevede l’innalzamento dei tetti di reddito. Per ora non si parla di eliminare né le associazioni in partecipazione, né le false Partite Iva.
Ultimo aggiornamento Domenica 05 Ottobre 2014 04:28
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 117